Blog

Rinasce l’antica Osteria al Cappello Rosso di Bologna
18
lug
Rinasce l’antica Osteria al Cappello Rosso di Bologna

Un locale tanto antico, l’Osteria del Cappello di Bologna, da essere inserita in un’acquaforte datata 1712.

Giuseppe Maria Mitelli aveva creato una sorta di ‘gioco dell’oca’ con le osterie del capoluogo emiliano. Ne aveva censite 99. L’Osteria del Cappello occupava la casella numero 41. Unica sopravvissuta, l’osteria ‘Il sole’, in vicolo Ranocchi. Ora, non è più sola. Ha riaperto i battenti ‘Il cappello rosso’, in via De’ Fusari, l’antica Osteria del Cappello che, secondo gli archivi della città, avrebbe iniziato le sue attività nel lontano, lontanissimo 1375. L’attuale ubicazione, nella locanda in via De’ Fusari, sarebbe avvenuta intorno al 1652, mezzo secolo prima, più o meno, del ‘gioco di tutte le osterie’ del Mitelli. Chiuse definitivamente negli anni ’20 del secolo scorso, per diventare un residence. Ma i proprietari non ottennero le autorizzazioni necessarie e, oggi, nel terzo millennio, rinasce come ‘Osteria al Cappello Rosso’, miscelando sapientemente i sapori della cucina tradizionale bolognese, le atmosfere da antica osteria e gli input della contemporaneità. Per una ricetta innovativa, dai sapori ben definiti, in grado di soddisfare tutti i ‘palati’. Tutti i giorni, dalle 7.00 alle 11.00, breakfast con torte handmade, una selezione di pane e brioches, marmellata, uova, yogurt, frutta fresca e cereali, per 9.00 euro. A pranzo, piatto unico o una scelta di due portate. Compresi acqua, vino, pane e caffè, il prezzo oscilla tra i 10.00 e i 15.00 euro. Nel menù à la carte, immancabili le tagliatelle al ragù, le polpette con i piselli e la cotoletta Bologna, tigelle e crescentine per accompagnare salumi e formaggi emiliani. Per quest’inverno sono previste, anche, le pernici, tratto distintivo dell’antica cucina del locale. Tanto per rimanere in tema, i proprietari hanno fatto stampare sulle tovagliette il ‘gioco’ di Mitelli. Un’altra particolarità che richiama il passato illustre di antica osteria è la mescita del vino, con una cantina rigorosamente locale, che sarà venduto a bottiglia, a calice, e sfuso, a bicchiere, alla Modica cifra di 1.00 euro. L’Osteria al Cappello Rosso resterà aperta  7 giorni su 7, da settembre, per ora chiude solo il lunedì sera, dalle 7.00 alle 23.30. Presto, saranno inseriti nel menù, anche, il brunch e l’aperitivo, con pietanze nel solco della tradizione bolognese e da osteria.

(Photocredit)