Blog

Nuove regole per i mercati agricoli a km 0
28
lug
Nuove regole per i mercati agricoli a km 0

Economia sostenibile, qualità ed eticità: sono le parole chiave del nuovo regolamento per i mercati agricoli a chilometro 0 varato dal Comune di Modena e che potrebbe essere esportato in tutta la regione.

I produttori devono garantire qualità e trasparenza per un consumatore sempre più attento e consapevole. Proprio per questo la politica si è seduta a un tavolo con le associazioni agricole. Gli agricoltori favoriscono l’economia del territorio, oltre a presidiarlo, proponendo i loro prodotti a seconda delle stagioni, quindi assolutamente freschi e genuini, con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Mangiare prodotti sani significa mangiare meglio e mangiare meglio significa uno stile di vita migliore. La carta per regolamentare i mercatini a chilometro 0 si articola in 6 punti che afferiscono al concetto di ‘economia di relazione’: viene favorita la conoscenza diretta tra produttore e consumatore, tramite i prodotti venduti che rispettano i valori della buona salute, del non inquinamento ambientale e della dignità del lavoro e del reddito che produce, obiettivi condivisi da entrambe le parti. Si privilegia la filiera corta, la trasparenza e l’equità dl prezzo, la produzione agricola biologica e biodinamica, la riduzione di rifiuti da imballaggi. Modena detiene un altro primato: il primo comune dell’Emilia-Romagna a istituire un mercato biologico, ‘Biopomposa’, su spazio pubblico. Non resta che attendere l’importazione dello stesso regolamento, anche, a Bologna. Per ora, l’appuntamento è tutti i mercoledì ai Campi aperti, tra le 17.00 e le 20.00 con Laboratorio Crash!, mercato biologico.

(Photocredit)