Blog

Archeogite Bolognesi 2013
04
mag
Archeogite Bolognesi 2013

Un iniziativa da cogliere al volo:Archeogite Bolognesi 2013, dal 11 aprile al 23 giugno 2013. Archeogite Bolognesi 2013 apre le porte di 12 musei archeologici e 4 siti del territorio, musei e luoghi della cultura per apporfittare di visite guidate,laboratori e conferenze, percorsi che vi condurranno lungo le vie d’acqua, tema di questa edizione “L’acqua degli uomini, l’acqua degli degli dei”.
Anche tanti appuntamenti gastronomici che su percorsi che vi condurranno verso affascinanti avventure alla scoperta del ruolo vitale dell’acqua.
Tanti percorsi dedicati ai turisti ma anche ai cittadini bolognesi per riscoprire sul territorio le tracce di una storia antica che racconta dell’uomo e del suo rapporto con l’acqua. Grandi musei ma anche piccoli e inaspettati siti, come il Licieo Scientifico Sabin, nel quale attraverso una vetrata è possibile vedere una pavimentazione che nel suo piccolo rappresenta un vero e proprio sito archeologico.
Ancora tra le cose da vedere la grotta del Re Tiberio nella Vena del Gesso romagnola, vicino a Borgo Rivola, nella valle del Senio è frequentata dall’età del rame al medioevo con modalità molto diverse: diventa luogo di sepoltura nel neolitico, luogo di culto nella seconda età del ferro e in età romana, ricovero per comunità di eremiti e di falsari nel medioevo.
Un percorso che diventa visivo, quello di Archeogite Bolognesi 2013, in previsione anche la proiezione del documentario “Bologna città d’acqua nella storia. Il sistema delle acque a Bologna dal XII secolo ai giorni nostri” di Martina Mari. Il documentario rievoca Bologna città d’acqua quale era nella sua ricchezza di canali e quel pochissimo che ancora oggi ne resta. Lo spettatore sarà trasportato in un paesaggio e in un’atmosfera sconosciuti alla maggior parte dei bolognesi di oggi. Un tempo Bologna era una grande città proto-industriale con un porto che la collegava al mare, a Venezia e quindi all’Oriente.
Tante informazioni e dettagli sul sito della provincia http://www.provincia.bologna.it/cultura/Engine/RAServePG.php